nocciolo

Il nocciòlo (Corylus avellana)

Il nocciòlo (Corylus avellana L., 1753) è una pianta appartenente alla famiglia Betulaceae.

noccioloIl nome del genere deriva dal greco κορις = elmo, oppure da kurl, il nome celtico della pianta, mentre l’epiteto specifico deriva da Avella, città avellinese famosa fin dall’antichità per la bontà delle sue nocciole.

La pianta ha portamento a cespuglio o ad albero e raggiunge l’altezza di 5–7 m.
Ha foglie decidue, semplici, cuoriforme a margine dentato.
È una specie monoica diclina. Le infiorescenze sono unisessuali. Le maschili in amenti penduli che si formano in autunno, le femminili somigliano ad una gemma di piccole dimensioni.
Ogni cultivar di Nocciolo è autosterile ed ha bisogno di essere impollinata da un’altra cultivar.

Il frutto (la ben nota nocciola o nocciolina) è avvolto da brattee da cui si libera a maturazione e cade. Esso è commestibile ed è ricco di un olio, usato sia nell’alimentazione che nell’industria dei colori e in profumeria.

Il suo areale geografico naturale è europeo-caucasico, va dalla Penisola iberica e Inghilterra fino al Volga, e dalla Svezia alla Sicilia. La distribuzione altitudinale è da collinare a medio-montana. Rifugge le aree mediterranee più calde ed aride. Preferisce terreni calcarei, ben drenati, fertili e profondi. L’habitat naturale è costituito da boschi di latifoglie, soprattutto querceti misti mesofili, radure e margini. Può formare boschetti pionieri su terreni freschi pietrosi, in consociazione con aceri o pioppo tremolo.

Il nocciolo naturalmente può contrarre la simbiosi con vari tartufi: