passione

La nascita di una passione : Raccontaci la tua storia

La nascita di una passione : Raccontaci la tua storia

Paolo e Salvatore ci raccontano l’inizio della loro passione per la ricerca dei tartufi

Fin da piccolo sentivo parlare di questo pregiatissimo Tubero, ma non mi sono mai interessato più di tanto. Un giorno mentre effettuavo allenamento di running in montagna, trovai un amico con il suo cane, dicendomi che “stava andando a tartufi”, mi chiese poi se conoscevo qualche bosco con alberi particolari, spiegandomi le caratteristiche, io, incuriosito , gli promisi che un giorno lo avrei condotto in qualche posto. Quel giorno arrivò. Giunti sul posto , condusse poi il cane nel bosco alla ricerca del Tubero, io lo seguivo, osservavo vagamente e con meraviglia come poteva mai trovare questo rinominato tubero, vedevo il cane annusare con attenzione il terreno, mentre ad un tratto la cagnolina si ferma e inizia a scavare in modo molto frenetico , l’amico si avvicina al cane , ad un tratto vedo che estrae qualcosa dalla terra , mi avvicino incuriosito e lui molto gioioso mi mostra il famoso tubero.

Al rientro dalla battuta , mi dice con tono scherzoso “ dai fatti un buon cane e vieni anche tu a tartufi, ci divertiremo”, ma dandomi le giuste avvertenze e dicendomi che dietro la sua raricità e la sua prelibatezza , c’è il volto inaspettato del mondo del tartufo , oltre alle ricette succulenti, aste internazionali, ci si può imbattere nella slealtà di persone, che, tra avvelenamenti alla stricnina e altri sfregi, farebbero di tutto per appropriarsi del pregiatissimo tubero.

Iniziai ad organizzarmi anche io per andare a tartufi, l’amico iniziò a progettarmi e creare con tanta attenzione e passione un vanghetto ( attrezzo che generalmente si usa per l’estrazione 

del tartufo, per evitare di danneggiarlo) unico nel suo genere, nato dal legno di ciliegio e con una punta in acciaio spesso per affrontare anche i terreni più duri, mi disse che questo vanghetto sarebbe stato il suo regalo per appassionarmi in questo mondo.

Per quando riguarda il cane per la ricerca, optai per un Jack Russel Terrier ( cane molto famoso e intelligente, usato dagli inglesi per la caccia alla volpe, comodo sia da trasportare che da tenere in casa), la stessa tipologia di cane in possesso al mio amico, chiamata da lui “Nora”.

Disegnammo anche un logo personale, costituito da una vanghetta e una canna da pesca incrociate, un volto di un cane e un pesciolino. Il voto del cane indicava la tipologia del cane che possedevamo “ I Jack Russell” , il vanghetto cioè l’attrezzo che usavamo per l’escavazione del tartufo, e la canna da pesca e il pesce che stava a significare che nonostante fossimo diventati tartufai , rimanevamo sempre grandi appassionati di pesca .

Lascia un commento