Calda-fredda

Calda-fredda i pro e i contro

Calda-fredda i pro e i contro

Calda-fredda – Una delle peggiori piaghe è la grandine,  in particolar modo per i contadini che in poche ore vedono svanire mesi di lavoro.

gli unici che ne gioiscono sono i TARTUFAI in quanto il ghiaccio cadendo sul terreno caldo favorisce la crescita dei tartufi in genere ( in particolar modo del bianco). “Meccanismo” chiamato, appunto, Calda-fredda

Andiamo a conosce più dettagliatamente  di cosa si tratta

La calda – fredda  è anche nota con il nome di  Arrabbiaticcio o secca – molle è un termine popolare appartenente al linguaggio agricolo toscano che denota sia una condizione del terreno non idonea alla corretta crescita del frumento, sia la patologia sviluppata dalla pianta che cresce sul terreno “arrabbiato”. Trattasi di un fenomeno complesso le cui cause sono essenzialmente legate ad un’alterazione delle normali proprietà chimico-fisiche del terreno, che vanno quindi a turbare l’equilibrio biologico e la corretta crescita delle coltivazioni. Il grano coltivato su terreni arrabbiati, in un primo momento, cresce e si sviluppa regolarmente, ma prima di raggiungere la fioritura la crescita si arresta e la pianta secca, lasciando il terreno scoperto che viene tendenzialmente invaso da piante erbacee infestanti

Durante questo processo l’acqua presente sul terreno evapora molto più velocemente e in elevate quantità Questo può essere un pericolo per il cane da tartufi  in quanto può portarlo ad  un eccessivo accumulo di liquidi nella canna nasale che di conseguenza può favorire l’insorgere di una rinite 8 (sinusite)

E quindi sconsigliabile fare un uscita a tartufi nelle ore successive a questo fenomeno

Fonti: ZampaDiCane – Wikipedia