Bimba di 16 mesi azzannata da un Lagotto Romagnolo

Bimba di 16 mesi azzannata da un Lagotto Romagnolo

Bimba di 16 mesi azzannata da un Lagotto Romagnolo

Bimba di 16 mesi azzannata da un Lagotto Romagnolo – Tanta paura alla vigilia di Capodanno in una casa di Vicenza: una bimba di 16 mesi è stata azzannata al volto dal cane di famiglia, un lagotto romagnolo. L’incidente è avvenuto mentre la bambina giocava con l’animale, come riporta il Giornale di Vicenza. La piccolina ha riportato due profonde lacerazioni ed è stata subito soccorsa, portata in ospedale e operata d’urgenza. Ora è fuori pericolo.

Fonte: IlGazzettino

La notizia sopra riportata è una delle rare occasioni se non l’unica in cui ho visto protagonista il lagotto romagnolo come carnefice e non come vittima. Di tanto in tanto notizie di cronaca portano alla ribalta questi incidenti, che creano per brevi periodi psicosi generali, si stilano classifiche di razze pericolose e ci si interroga se sia più o meno opportuno tenerli alla catena o portarli a spasso con la museruola. Purtroppo questo a testimonianza del fatto che il cane ancora oggi viene trattato come un’oggetto programmato per le nostre esigenze, per fortuna non è così. I cani in primis hanno un carattere proprio a prescindere dalla loro razza, in più i loro ragionamenti sono dettati dall’istinto.

Quindi alla luce di questo non vanno assolutamente lasciati soli cani e bambini, non perché ci sono cani buoni o cattivi, ma per il semplice fatto che un bimbo non può rendersi conto che i suoi atteggiamenti destano in un cane una situazione di pericolo imminente.