Tartuficoltura

La Margotta

La Margotta per diminuire i tempi di attesa – Tartuficoltura

La Margotta per diminuire i tempi di attesa – Tartuficoltura

La Margotta – La tartuficoltura sta suscitando sempre maggiore interesse in Italia e nel mondo, quello che più scoraggia però a chi si avvicina a questa coltura sono i tempi di attesa, che variano a seconda della specie e dell’albero simbionte da 4 ai 6 anni, se tutto va bene. Per questo motivo, il più delle volte, vengono impiegati a tale scopo terreni in disuso.

Un aiuto in tal senso potrebbe essere rappresentato dalla margotta, una tecnica di moltiplicazione agamica delle piante utilizzata in alternativa alla talea ma non solo, e consiste nel far radicare un ramo ancora collegato alla pianta madre.

Per quale motivo?

Come detto più volte, il tartufo entra in simbiosi con l’albero perchè non è in grado di elaborare le sostanze nutritive che capta dal terreno, è quindi la pianta a dovergli trasmettere le sostanze nutritive necessarie per il suo sostentamento, grazie alla fotosintesi clorofilliana che altro non è che un processo chimico per mezzo del quale le piante verdi e altri organismi producono sostanze organiche – principalmente carboidrati – a partire dal primo reagente, l’anidride carbonica atmosferica e l’acqua metabolica, in presenza di luce solare.

E’ quindi tramite la  margotta potremmo offrire al micelio un apparato fogliare notevolmente più sviluppato dunque ridurre i tempi di attesa.

Come procedere?

prendiamo un coltello con una lama molto affilata e pratichiamo una incisione di tipo circolare, e asportiamo un cilindro di corteccia di circa 3/4 cm, poniamo sulla ferita degli ormoni vegetali radificanti con l’ausilio di un pennellino

A questo punto prendiamo  un sacchetto di politene o plastica scura, fermato all’estremità con della corda ben stretta e riempito di terra sterilizzata . Il panetto deve rimanere costantemente umido, avvalendoci di una siringa. Dopo circa 4/6 mesi si può procedere con l’innoculo delle spore sempre tramite siringa. Quando le radici saranno abbondanti, dobbiamo poi procedere con il taglio del fusto e la dimora in  in vaso. Per quella in terra occorrerà un po’ di tempo in quanto la pianta avrà bisogno di un luogo ombreggiato per permettere alle radici di svilupparsi a sufficienza.

More from Tartuficoltura

Libri sulla Tartuficoltura

tartuficoltura

   GUIDA ALLA TARTUFICOLTURA  Regione Abruzzo Ente Regionale di Sviluppo Agricolo Avezzano  ALLA SCOPERTA DEL TARTUFO  Salvaguardando l’ambiente  IL MONDO NASCOSTO DEL TARTUFO  Sintesi del progetto  LA TARTUFICOLTURA SULL’APPENNINO  La tartuficoltura sull’Appennino  FUTURO DELLA TARTUFICOLTURA IN ISTRIA  Attività del Centro Sperimentale di Tartuficoltura di … Per saperne di più

Elenco associazioni tartuficoltori Italiani

Elenco associazioni tartuficoltori

Elenco associazioni tartuficoltori Italiani Elenco associazioni tartuficoltori Italiani Regione Associazione Contatti Abruzzo AEC Associazione Ecologica “Corvara” Via Aia Dionda, 6 – Torrebruna (CH) Presidente: Vincenzo Rosica Contatti: vincenzorosica@libero.it APTT Associazione No Profit PRO Tartufo Teramano Piazza Bernini – Penna S.Andrea (TE) Presidente: Luciano Scaramazza … Per saperne di più